Scheda video "Uscire dal tunnel"

– Problemi dell’ ltalia irrisolti da non meno di una quarantina di anni

– I bambini di oggi  patiranno le conseguenze del comportamento imprevidente di genitori e nonni

– dovranno pagare molti debiti come tutti noi e le conseguenze su occupazione, studio e pensioni  saranno gravi

(uso della metafora per scopi non solo letterari ma anche di divulgazione scientifica)

–  nell’estate del 2011 c’è stata un’accelerazione della crisi con crescita dello spread e rischio di default, il baratro della bancarotta

– questo ha provocato la caduta del governo e la nascita di un governo tecnico con l’operazione “Salvaitalia”

– il default è provocato dalla crescita incontrollata del debito pubblico

– 2000 miliardi di euro = 4milioni di miliardi di vecchie lire = banconote da 100 euro in fila una dopo l’altra fino a coprire 5 volte la distanza Terra – Luna

– dove sono finiti i soldi?

– Sistema pensionistico (es. baby pensionati), sanitario e opere pubbliche (es. Salerno- Reggio Calabria collegamento con  “Il giorno della civetta”), comprese imprese di stato (es. Alitalia) GESTITI MALE, cioe’ troppo costosi per sprechi e inefficienze clientelari ed elettorali, non perché siano fallimentari di per sé; si aggiungano una diffusissima evasione fiscale e la corruzione presente a molti livelli della macchina statale.

– saper spiegare perché il sistema pensionistico come era inteso prima non funzionava più (8’)

– interessi annuali 70 miliari di euro che impediscono di pagare meno tasse (= metà dell’Irpef)

– oltre la metà dei creditori è straniera

– indebitarsi non è di per sé un male, se però lo si fa con prudenza, con la prospettiva di essere solven ti

– Usa e Giappone hanno più debiti di noi, come mai hanno meno problemi di spread i noi?

– Perché il loro sistema economico è ritenuto più affidabile (metafora dei solidi e della bilancia produzione/distribuzione, spiegare (10’.52”), noi produciamo di meno e non riusciamo a ripagare il debito Pil BASSO (attenzione, lo consideriamo provvisoriamente una misura della nostra ricchezza, NON del benessere)

– Saper spiegare anche come un paese finanzia il suo debito (titoli di stato, BOT e CCT) e perché l’interesse sui titoli offerto agli investitori  cresce se il paese è meno affidabile.

– Cosa rappresenta lo SPREAD

– Descrivere le condizioni della Grecia come emergono dal video (14’.40”) e da cosa dipende il suo default. Perché nessuno compera più titoli greci e come mai invece lo fa la BCE?

– Cosa si fa per ripagare il debito e i rischi dell’eccessivo rigore. Come mai l’eccessivo rigore può farci finire in recessione?

 

PROBLEMI STRUTTURALI DELLA MACCHINA STATALE  E PRODUTTIVA ITALIANA

– Se non si risolvono questi problemi i provvedimenti rimarranno  in buona parte inutili.

–  LA MACCHINA DELLA RICCHEZZA Il sistema politico non può produrre ricchezza, la distribuisce e talvolta ne distribuisce più di quanta non ne abbia in realtà a disposizione per motivi elettorali.  Per la  produzione della ricchezza è necessaria la tecnologia (in passato c’erano solo le braccia; molte persone in più dovevano dedicarsi all’agricoltura e non avevano  la possibilità di studiare (analfabeti come Renzo e Lucia) per dedicarsi a lavori meno pesanti e più intellettuali (Agostino)). La tecnologia cambia le società (anche grazie alle risorse sottratte alle società non tecnologiche. Limiti dell’esempio si Svezia, Turchia e Burundi; i burundesi  sono vittime di situazioni storiche e sociali come il colonialismo; gli Olandesi sono stati colonialisti). SI SOTTOLINEA L’IMPORTANZA DEL SAPERE E DEL SAPER FARE; la cultura crea ricchezza indirettamente e i nostri valori sostengono l’impegno creando delle regole e facendole rispettare: sono i veri motori nascosti della ricchezza intesa come progresso (non consumismo sfrenato) e della credibilità internazionale. (discutere l’esempio della Germania). Non ci si batte però per questo, si parla solo di distribuzione.

– Come siamo messi noi a cultura,  tecnologia e innovazione? Male.

-LA RIVOLUZIONE DELLA TECNOLOGIA (e dell’energia) Addetti 65% – 5%) i bambini possono essere mantenuti a lungo agli studi e non vanno più a lavorare come succede ancora ora in ¾ del mondo); la crescita del reddito fa sviluppare il terziario (servizi, editoria, cinema, vacanze, arte…). La donna poi viveva nelle condizioni della moglie di Tobia o della madre di Agostino e non era in grado di controllare la fertilità  quindi non poteva accedere al lavoro autonomo e per questo non veniva incoraggiato il suo desiderio di studiare.

(Trascurare da 37’ a 42’, ricordare solo che la rivoluzione del Rinascimento ha avuto basi anche nell’economia e rappresenta una fase di accordo tra cultura umanistica e scientifico-tecnologica). Le agenzie formative si devono adeguare e dobbiamo passare ad un insegnamento che metta in luce i nessi tra cultura umanistica e tecnologica, il che oggi accade poco). Si insegnano le scienze e non la scienza, si veda il fatto che noi di grandi scienziati non conosciamo il lato umano e culturale (Einsten premio Nobel per la pace) e non sappiamo come essa stia cambiando il mondo.

– Come distribuiamo la ricchezza prodotta grazie alla tecnologia? Metafora della mucca (42’50”) cosa rappresenta la mucca, cosa il latte, cosa i bicchierini e chi maneggia il mestolo. Cosa accade se la macchina produttiva non funziona più bene (cioè la mucca deperisce?). Sei in grado di vedere un aspetto importante del rapporto  produzionedistribuzione che non è evidenziato dalla metafora?

– Cosa è accaduto, ad esempio, al sistema produttivo italiano? Cosa implica l’estensione delle fasce  non produttive nella nostra società (bambini, studenti, pensionati) . Cosa succederà alla fascia intermedia? La cultura non deve essere considerata improduttiva, neanche la sanità e la cura del benessere sociale (interdipendenza tra gli attori della scena produttiva)

PROBLEMI DELL’INDUSTRIA ITALIANA

94% piccolissime dimensioni (pochissima innovazione tecnologica, manodopera poco qualificata, non si regge la concorrenza della Cina) (esport. Italiano per il 50% ad alta tecnologia, è già un buon risultato ma non è abbastanza)

MEDIo-piccola  industria fra 10 e  50 addetti  5% in Italia e 14% in Germania può già mettere in piedi collaborazioni con l’Università che quindi dovrebbe essere finanziata di più dalle imprese (14% in Germania, 1% in Italia) il che non esclude affatto il ruolo dello stato. (99%)

Medio- grande (50 – 250 addetti) 0,5 % in Italia e 2,5% in Germania possono avere strategie di vendita globali; l’Italia sta perdendo quote di mercato

Grande + di 250 addetti 1 su mille in Italia

ATTENZIONE AL COSTO DELL’ENERGIA (56’) PERCHE’ NOI LA IMPORTIAMO E LA TASSIAMO.

BRICS Brasile,  Russia, India, Cina Sudafrica elevata crescita del PIL . Chi parte dal basso ha margini di incremento maggiori; hanno risorse naturali importanti (fosfati, uranio, gas, petrolio, terre rare, diamanti, carbone, ferro, manodopera a a buon mercato (DEMOCRAZIA)…)

– stanno cercando di mettersi in linea con la situazione culturale delle altre nazioni e potenziano la scuola rendendo più accessibile lo studio di tutti i livelli dedicando questo quote crescenti di PIL.(QUATAR)  (noi no, anche perché quegli stati non sono indebitati, anzi, sono spesso i nostri creditori).

-EDUCAZIONE E INNOVAZIONE

– I test PISA OCSE verificano le capacità linguistiche e logiche (non il programma!)

I Migliori esiti si hanno  in paesi asiatici e Finlandia; noi abbiamo un forte divario interno. La spesa per studente non giustifica le differenze; ci sono paesi che spendono poco come Giappone, Israele, Portogallo e hanno buoni risultati mentre Lussemburgo, Belgio e USA spendono molto con scarsi risultati).

Il Giappone punta su meno memoria e più spirito critico e interazione con la società.

Il Canada ha un’ottima integrazione linguistica (ma numerosi programmi e insegnanti di sostegno)

(Vedi testimonianza di Federico Rampini 1h)

La Finlandia paga benissimo gli insegnanti (10% dei migliori laureati) ma hanno in media 36 studenti ciascuno.

Cosa è accaduto in Germania?

-EVOLUZIONE DELLA POPOLAZIONE

Noi siamo in regresso demografico (provare a spiegare perché) Conseguenze : (cosa sono le piramidi di cui si parla) aumento spesa sanitaria, fetta di torta di PIL destinata più ai vecchi che ai giovani con diminuzione di risorse per istruzione e politiche familiari
crescita sulle spalle di pochi giovani mal o dis occupati.

Diminuzione delle future pensioni

Ogni anno in Italia ci sono 550.000 nuovi nati di cui 110.000 extracomunitari; (METAFORA DELLA SQUADRA DI CALCIO CON 7 GIOCATORI DI CUI 1 STRANIERO)

Nel 2050 Europa e USA saranno stabili, l’Africa esploderà e crescerà molto anche l’Asia , in particolare Nordafrica, Medioriente e Turchia. In Israele gli arabi diventeranno la maggioranza.

BUROCRAZIA  1h22’
Aprire imprese è molto costoso e nessuno fa credito ai giovani imprenditori. Le pratiche sono non solo costose ma lunghissime , questo scoraggia gli investimenti. In Italia poi l’efficienza degli impiegati è la metà, ad esempio, di quella della Germania  non solo per scarso impegno come molti sostengono ma perché i nostri meccanismi amministrativi sono intricati e labirintici, con competenze sovrapposte e altre che non si sa a chi appartengano. Le regole sono complicatissime e spesso non prevedono come regolare i conflitti.

GIUSTIZIA 1h’33’
La giustizia è lenta (anche se nel caso di Torino i problemi sono stati risolti) e un imprenditore non ha speranza di rifarsi in tempi decenti su mancati pagatori.

Italia 156 posto su 181 paesi; l’Afghanistan è solo due posti dietro a noi  per durata media di un processo; questa lentezza comporta, come detto sopra, fuga delle attività produttive e senso di frustrazione nella gente comune che non viene difesa dalla legge, anche per i costi e non solo per la lunghezza del processo. Certe volte chi sa di essere colpevole porta per le lunghe il processo e addirittura dissuade così la parte lesa dall’intentarglielo; nonostante questo ne abbiamo troppi a causa dell’accumulo e abbiamo anche un grandissimo numero di avvocati. NOI PREMIAMO CHI NON RISPETTA LE REGOLE:  Questo ci costa 1 punto di PIL all’anno.

L’Italia è al 73° posto per attrattiva di investimenti:  è difficile infatti anche avere permessi di costruzione, concessioni edilizie, allacci e utenze, credito e capacità di far rispettare i contratti (160 posto). La manodopera costa molto e non per colpa di alti stipendi, i nostri sono al di sotto della media europea.

(1h38’)

Molto critica è anche la situazione della criminalità organizzata (1h39’), capace di condizionare negativamente l’attività edilizia e gli appalti pubblici (si veda video di Saviano sulla ‘Ndrangheta e testo di Leonardo Sciascia) E DELLA CORRUZIONE.

Qual è, in sintesi, la testimonianza di Ivan Lo Bello?

AMBIENTE E DEBITO ECOLOGICO  (1H45’)

Cosa è il debito ecologico   Attenzione alle ECOMAFIE, hanno devastato ampie zone della Campania ad.es. con discariche abusive di sostanze anche molto pericolose;

attenzione agli inquinatori autorizzati, es. caso dell’ILVA (Vieni a morire in Puglia)

Conseguenze: aumento di malattie incurabili

Tutto il pianeta inquina più del sostenibile, dobbiamo sprecare i meno e usare meno risorse per ottenere gli stessi risultati (le frecce e i centri)

MERITO

Come scegliamo i nostri tiratori? Principio della persona giusta al posto giusto NO raccomandazioni (specialmente di incapaci) e pressioni di lobbies e addirittura criminalità organizzata per far assumere  gente ad alti livelli (e anche bassi). Perché al giorno d’oggi le capacità dell’individuo contano  di più che in passato nell’industria e nel mondo della produzione?  Noi siamo rimasti indietro anche sotto questo aspetto, anche perché la scuola è rimasta indietro sotto questo profilo. (1.59, importante)  Le conseguenze sono inefficienze e frustrazione in chi viene ingiustamente scartato. Cos è un comportamento imitativo? Cosa comporta la perdita di credibilità da parte dello stato e del sistema economico in generale? Qual è il più grave rischio della raccomandazione, in termini di buon governo dello stato e del sistema economico?

Spiegare perché  le raccomandazioni e la svalutazione del merito sono un costo.

MERITO nella maggior parte dei casi si identifica con MAGGIORE IMPEGNO.
Cosa è il controllo sociale    Caso del medico in conclusione di “Il giorno della civetta”

Importanza del ruolo della televisione che dovrebbe diffondere modelli migliori; per molti è l’unica  agenzia culturale.

Tutte le caselle non sono separate, sono interconnesse ed ogni elemento influenza ogni altro come accade nel sistema nervoso e la salute di ogni singola casella influenza quella di tutte le altre, nessuna deve essere trascurata.

Nel Sud Italia ci sono molte potenzialità ma il divario è ancora grande riapetto al Nord, che ha un PIL paragonabile a quello della Svezia, mentre quello del Sud è simile a quello del Portogallo ; la lotta alla criminalità organizzata e alla corruzione è indispensabile anche per questo.

(Evidenziare le soluzioni proposte negli ultimi minuti da Piero Angela. In che misura siamo d’accordo?)