Sintesi complessiva impero fino alla crisi

a) Primo e secondo secolo d. C. : espansione dell’Impero

Di fatto con Ottaviano Augusto finisce la Repubblica ed inizia l’Impero. Con l’ Impero tutti i poteri erano dell’imperatore e alla sua morte passavano al figlio. Nei primi due secoli dell’Impero ci sono state diverse dinastie di imperatori. I primi imperatori fanno altre conquiste e l’Impero raggiunge la sua massima grandezza intorno all’anno 100 d.C. con l’imperatore Traiano ; allora l’ Impero Romano occupava 

b) Terzo secolo d. C. : crisi dell’impero ( anarchia ) e cri si economica

Nel terzo secolo inizia la crisi dell’Impero. L’esercito acquista sempre più potere e sono i soldati che eleggono imperatore il loro comandante ed a volte ci sono due imperatori che combattono tra di loro : in questo periodo in cinquant’anni ci sono stati venti imperatori che duravano in carica due o tre anni e spesso erano uccisi anche dagli stessi soldati che li avevano eletti. Questo periodo è detto periodo dell’anarchia militare. (anarchia = mancanza di potere, quindi disordine ) La crisi fu anche crisi economica : i latifondi venivano coltivati solo in parte ed inoltre molti contadini abbandonavano le terre per andare come soldati a difendere i confini, così le terre producevano meno ed i prezzi aumentavano ; gli imperatori avevano bisogno di molti soldi per pagare i soldati per difendere i confini, perciò mettevano nuove tasse. La conseguenza è che c’era molta povertà.

c) La diffusione del Cristianesimo e la divisione dell’Impero

Già dal I secolo dopo Cristo comincia a diffondersi nell’Impero la religione cristiana. Molti imperatori perseguitano e fanno uccidere i cristiani, perchè si rifiutavano di adorare l’imperatore come un dio e per questo pensavano che la loro autorità poteva diminuire. Solo nel 313 d.C. con l’Editto dell’imperatore Costantino i cristiani sono liberi di professare la loro religione. Nel 380 l’imperatore Teodosio dichiara il Cristianesimo religione dello Stato e proibisce le altre religioni. Nel 395 sempre l’imperatore Teodosio divide l’Impero tra i suoi due figli in due parti : Impero Romano d’Occidente con capitale Roma ed Impero Romano d’Oriente con capitale Costantinopoli ( cartina 8 )

d) Invasioni barbariche e fine dell’Impero

All’inizio del quinto secolo cominciano le invasioni barbariche : diverse tribù di barbari oltrepassano i confini dell’Impero Romano, fanno saccheggi, distruzioni e alcuni arrivano a saccheggiare anche Roma, altri si stabiliscono all’interno dell’Impero. Nel 476 d.C. il re di una tribù di barbari depone l’ultimo imperatore romano Romolo Augustolo. Finisce così l’Impero Romano d’Occidente ed in tutta l’Europa occidentale si formano dei Regni Romano – Barbarici. Resta invece ancora l’Impero Romano d’Oriente ( cartina 9 )

6. CAUSE DELLA CADUTA DELL’ IMPERO ROMANO a) L’anarchia militare b) La crisi economica c) Le invasioni barbariche

d) Il Cristianesimo che indebolisce l’Impero Romano perché ha dei valori contrari a quelli di Roma. Valori del Cristianesimo : uguaglianza e amore tra gli uomini, pace. Valori dell’Impero Romano : diversità tra gli uomini ( padroni e schiavi ), guerra, violenza e conquiste.