Sintesi complessiva storia romana fino ad Augusto

STORIA DI ROMA DALLE ORIGINI ALLA FINE DELL’ IMPERO

1. L’ITALIA PRIMA DELLA NASCITA DI ROMA

Nell’VIII sec. a.C. l’Italia era abitata da molti popoli chiamati ITALICI nella parte centrale. In Toscana c’erano gli Etruschi che hanno poi conquistato terre più a nord nella Pianura Padana ed a sud nella Campania. Nel Sud dell’Italia c’ erano le COLONIE GRECHE (= dei Greci) in Campania, Calabria e Sicilia e le COLONIE FENICE (= dei Fenici) in Sicilia e Sardegna. ( cartina 1 )

Tra gli Italici si distinguono i LATINI, che vivevano nel Lazio e che fondano Roma. Roma all’inizio era un piccolo villaggi del Lazio : a poco a poco diventa una grande città grazie alla sua posizione che era molto favorevole per i seguenti motivi :

1. Era vicina al fiume Tevere nel punto dove c’era l’Isola Tiberina che permetteva di attraversare più facilmente il fiume ( cartina 2 )

2. Si trovava su dei colli e quindi non poteva essere allagata dal fiume come altri villaggi nella pianura

3. Era vicina al mare e si trovava al centro di importanti vie di comunicazione e di commerci tra nord e sud, cioè tra Etruschi e Greci.

Si trovava tra il mare e l’interno, dove passavano i carri pieni di sale, che hanno dato il nome alla Via Salaria. ( cartina 3 )

2.TAPPE DELLA STORIA DI ROMA 756 a.C – 509 a.C MONARCHIA | 509 a.C. – 31 a.C. REPUBBLICA | 31 a.C. – 476 d.C. IMPERO

3. LA MONARCHIA

Durante questo periodo secondo la leggenda a Roma ci sono stati 7 re. Il primo re fu Romolo, che fonda Roma. Gli ultimi tre sono stati re etruschi e questo dimostra che gli Etruschi hanno conquistato Roma. Nel 509 i Romani cacciano l’ultimo re e Roma diventa una repubblica.

4. LA REPUBBLICA

a) L’Ordinamento dello Stato

In questo periodo a Roma invece del solo re hanno il potere diversi magistrati ( cioè persone che governano lo Stato). Al posto del re ci sono DUE CONSOLI, poi c’è il SENATO, una assemblea di anziani, che prende le decisioni più importanti. Altri magistrati sono :

I PRETORI che amministravano la giustizia. Gli EDILI che controllavano l’ordine pubblico, la manutenzione di strade ed edifici. I QUESTORI che controllavano le finanze dello Stato. I CENSORI che registravano i nomi ed i beni dei cittadini ed ogni cinque anni facevano il censimento. Se lo Stato si trovava in pericolo eleggevano un DITTATORE che aveva tutti i poteri, ma restava in carica solo sei mesi.

b) La società romana

In questo periodo la società romana era divisa in 2 classi :

1. I PATRIZI : erano i proprietari delle terre, erano ricchi e solo loro partecipavano al governo dello Stato

2. I PLEBEI : erano contadini ed artigiani, erano poveri, non potevano partecipare al governo dello Stato, non avevano diritti. I plebei lottano a lungo contro i patrizi ed alla fine ottengono l’uguaglianza di fronte alla legge ed ottengono anche l’elezione dei TRIBUNI DELLA PLEBE, che erano due magistrati che difendevano gli interessi dei plebei e se una legge danneggiava i plebei, loro avevano il DIRITTO DI VETO, cioè potevano far cancellare la legge.

C’erano poi gli SCHIAVI : erano proprietà dei patrizi che li compravano e li vendevano e li facevano lavorare per loro. Non erano considerati uomini, ma oggetti ed i padroni potevano anche ucciderli.

c) Le conquiste di Roma

Dopo essere diventata una repubblica Roma inizia una serie di guerre vittoriose : sconfigge i Latini e gli altri popoli italici, poi gli Etruschi ed i Greci delle colonie e nel 270 a.C. è padrona dell’Italia dalla Toscana alla Calabria.( cartina 4 ) A questo punto si scontra con Cartagine, una colonia fenicia che è diventata la più grande potenza marittima del Mediterraneo ed ha fondato colonie lungo la costa settentrionale dell’Africa, sulla costa meridionale della Spagna, in Sicilia ed in Sardegna. Contro i Cartaginesi i Romani combattono tre guerre dette Guerre puniche dal 264 al 146 a.C. (Punici = Cartaginesi) e le vincono. Con le guerre Puniche i Romani conquistano : la Sicilia, la Sardegna, la Corsica, la Spagna; poi conquistano anche la Pianura Padana ( detta Gallia Cisalpina), la Grecia, la parte occidentale della Turchia : nel 133 Roma a.C. è padrona di molte terre intorno al Mar Mediterraneo. ( cartina 5 ) Prima della fine della Repubblica nel 31 a.C. a queste terre si aggiungono la Francia (detta Gallia Transalpina ) , le coste dell’Africa dalla Tunisia all’Egitto, la Siria e la Palestina ( cartina 6 )

d) Conseguenze delle conquiste

Le conquiste portano ai Romani molte ricchezze e terre, ma ricchezze e terre vanno tutte alle classi aristocratiche che sono già ricche ed hanno molte terre, mentre i piccoli proprietari per la concorrenza dei grandi proprietari sono costretti a vendere a loro le terre e vanno a Roma in cerca di fortuna. Qui insieme agli altri poveri che sono già a Roma formano la classe dei proletari ( che non hanno altra ricchezza che la prole cioè i figli ). Nelle campagne scompare la piccola proprietà e si formano i latifondi, grandi estensioni di terre che appartengono ad un unico proprietario. I fratelli Gracchi, prima Tiberio, poi dieci anni dopo Caio, tentano di fare una riforma agraria per distribuire le terre in modo più giusto, ma la riforma fallisce per l’opposizione degli aristocratici che fanno uccidere i Gracchi, uno nel 133 a.C. e l’altro nel 123 a. C.

e) Guerre civili e fine della Repubblica

Dopo la morte dei Gracchi a Roma restano forti disuguaglianze sociali che portano ad una serie di guerre civili. Si formano due partiti: gli ottimati (aristocratici) e i popolari che comprendono i proletari ed anche i cavalieri che si sono arricchiti con i commerci e vogliono la distribuzione delle terre per indebolire gli aristocratici. A capo di questi due partiti ci sono dei generali che con i loro eserciti dall’ 88 a.C. fanno una serie di guerre civili per conquistare il potere a Roma. Prima vince Silla, capo degli ottimati contro Mario, capo dei popolari, poi vince Cesare, capo dei popolari contro Pompeo, capo degli ottimati. Cesare diventa dittatore a vita, fa delle riforme e distribuisce le terre per migliorare le condizioni del popolo e limitare il potere del Senato, ma poi i Senatori nel 44 a.C. lo fanno uccidere, perchè temono che voglia diventare re e faccia finire la repubblica. Dopo di lui ci sono ancora lotte tra Ottaviano (figlio adottivo di Cesare) e Marco Antonio. Nel 31 a.C. Ottaviano sconfigge in battaglia Marco Antonio e diventa padrone di Roma, ma non accetta il titolo di re o di dittatore a vita e mantiene le cariche della Repubblica, ma in realtà ha lui tutte le cariche più importanti e quindi ha lui tutti i poteri ed è chiamato Augusto (= nobile, sacro ) Ottaviano Augusto dà inizio ad un lungo periodo di pace, fa costruire templi, teatri, monumenti, strade e fa di Roma la città più grande, più bella e più importante del mondo allora conosciuto. Con lui finisce la Repubblica.