Tacito – L'avversione nei confronti degli Ebrei

Tacito, che mostra spesso ammirazione nei confronti dei Germani, si rivela completamente ostile nei confronti degli Ebrei,  le cui abitudini gli sembrano incompatibili con i valori della civiltà romana.

Tacito, Historiae, Libro V – fonte: http://www.progettovidio.it

1. Al principio di quel medesimo anno, Cesare Tito, incaricato dal padre di stroncare la rivolta in Giudea, potendo contare su un prestigio militare risalente a quando entrambi erano solo privati cittadini, operava col  peso di un’influenza ben più rilevante, ora che province ed eserciti gli testimoniavano a gara il loro

attaccamento. E per affermarsi come ancora più grande della sua condizione, si presentava maestoso e audace nelle armi, conquistandosi simpatie col suo tono affabile e con la presenza pressoché continua fra le truppe, nel  lavoro e nelle marce, pur senza mai intaccare la sua dignità di comandante. Lo accolsero in Giudea tre legioni,  la Quinta, la Decima e la Quindicesima, tutti veterani di Vespasiano. Vi aggiunse la Dodicesima dalla Siria e, da  Alessandria, uomini della Ventiduesima e della Terza; lo accompagnavano venti coorti alleate, otto squadroni di cavalleria, i re Agrippa e Soemo, rinforzi del re Antioco e un consistente gruppo di Arabi, animati da sentimenti  ostili contro i Giudei, per il solito odio tra popoli vicini, e poi molti altri venuti da Roma e dall’Italia, richiamati ciascuno dalla speranza di accaparrarsi l’animo, ancora libero, del principe. Con queste forze entrò, in buon  ordine, nel territorio nemico, esplorando ogni zona e pronto a dare battaglia. Il campo lo pose non lontano da Gerusalemme.

4. Mosè, al fine di consolidare per l’avvenire il suo potere su quel popolo, introdusse nuovi riti contrastanti con  quelli degli altri mortali. Là sono empie le cose presso di noi sacre e, viceversa, lecito quanto per noi aborrito.  Consacrarono in un santuario, immolando un ariete, quasi in spregio ad Ammone, l’immagine dell’animale da cui avevano tratto indicazioni per trovare il cammino e scacciare la sete. Fu sacrificato anche un bue, poiché gli Egiziani adorano Api. Si astengono dalla carne di maiale, a ricordo del flagello, perché li aveva colpiti un tempo la lebbra, a cui quell’animale è soggetto. Commemorano ancor oggi la lunga fame di un tempo con frequenti  digiuni e, a testimonianza delle messi  frettolosamente raccolte, si mantiene l’uso del pane giudaico senza  lievito. Hanno voluto, si dice, come giorno di riposo il settimo, perché esso segnò la fine delle loro fatiche; poi, lusingati dalla pigrizia, dedicarono all’ozio un anno ogni sette. Alcuni ritengono che lo facciano in onore di Saturno, sia per aver ricevuto il fondamento del culto dagli Idei, che sappiamo cacciati insieme a Saturno e fondatori della gente giudaica, sia perché dei sette astri, che regolano il destino dei mortali, quello di Saturno descrive un’orbita più ampia ed esercita un influsso più determinante, e perché la maggior parte dei corpi celesti tracciano il loro cammino e il loro corso in multipli di sette.

5. Di questi riti, comunque siano stati introdotti, si giustificano con l’antichità. Le altre usanze, sinistre e laide, s’imposero con la depravazione. Infatti tutti i delinquenti, rinnegata la religione dei padri, là portavano  contributi di denaro e offerte, per cui s’accrebbe la potenza dei Giudei, ma anche perché fra di loro sono di un’onestà tetragona e immediatamente disposti alla compassione, mentre covano un odio fazioso contro tutti gli altri. Mangiano separati, dormono divisi; benché sfrenatamente libidinosi, si astengono dall’accoppiarsi con donne straniere, ma fra loro l’illecito non esiste. Hanno istituito la circoncisione per riconoscersi con questo segno particolare e diverso. Chi adotta i loro costumi, segue la medesima pratica, e la prima cosa che imparano è disprezzare gli dèi, rinnegare la patria, spregiare genitori, figli, fratelli. Sta loro a cuore la crescita della popolazione; è infatti proibito sopprimere uno dei figli dopo il primogenito e ritengono eterne le anime dei  caduti in battaglia o vittime di supplizi: da qui la loro disponibilità alla procreazione e il disprezzo della morte.

Seppelliscono, non cremano i cadaveri, secondo l’uso e con le stesse cerimonie apprese dagli Egizi; riservano la stessa cura ai defunti e condividono la stessa credenza sul mondo degli inferi, e ne hanno una contraria sulla realtà celeste. Gli Egizi adorano moltissimi animali e le loro raffigurazioni in forma composita; i Giudei  concepiscono un unico dio e solo col pensiero; profanazione è per loro costruire con materia caduca immagini divine in sembianza umana, perché l’essere supremo ed eterno non può subire una rappresentazione ed è senza fine. Per questo non pongono simulacri di dèi nelle loro città e tanto meno nei loro templi; né riservano  tale forma di adorazione per i loro re, né di onore ai Cesari. Ma poiché i loro sacerdoti cantavano accompagnandosi a flauti e timpani, poiché si cingevano le tempie di edera e nel loro tempio venne rinvenuta  una vite d’oro, taluni hanno pensato che venerassero il padre Libero, conquistatore dell’Oriente, ma con riti totalmente diversi: in effetti, Libero ha istituito riti all’insegna della festa e della gioia, mentre le pratiche giudaiche sono assurde e cupe.