Prima guerra mondiale

GIUSEPPE UNGARETTI, EMILIO LUSSU E LA PRIMA GUERRA MONDIALE
Collegato a guerra e cinema: cosa si dice di sconvolgente nel testo di Lussu che c’è nel materiale didattico? Che immagine della Prima GM viene restituita
nei testi di Lussu e di Ungaretti? Sai identificare le caratteristiche stilistiche dei testi di Ungaretti e il suo rapporto, apparentemente contraddittorio, con Mussolini?
Emilio Lussu (Dal film di Francesco Rosi con Gianmaria Volontè, attore impegnato nella difesa dei diritti umani )
NEI TESTI DI UNGARETTI POSSIAMO TROVARE QUALCOSA CHE HA A CHE FARE COL PROBLEMA DEI MIGRANTI?  (In memoria)

 

 Uomini Contro Chi Ha Dato l’Alt

Ricordo di una guerra assurda costata milioni di morti.
  • SE NON TI FAI AMMARE TI FACCIO FUCILARE IO
    (Un esploratore in cima alla colonna dà l’alt per non finire tutti dritti sotto il fuoco austriaco e il folle generale Leone lo vuole fare fucilare per codardia. L’ufficiale al quale è stata dato l’ordine di fucilare il commilitone, risolve il problema facendo sparare una scarica e portando al generale il cadavere di un soldato morto davanti al filo spinato austriaco)  COLLEGAMENTO CON MARIO RIGONI STERN (nel materiale didattico): il dolore della guerra guarisce a contatto con una donna che si prende cura del suo bambino: morte vs vita
    Tutto ciò che è descritto nel libro e nel film  è veramente accaduto durante la Prima guerra mondiale

    6:02

DAL FILM UOMINI CONTRO DI FRANCESCO ROSI (1970)    Le corazze Farina

La scena in cui l`ottuso generale Leone (Alain Cuny) manda prima a morire dei soldati protetti con inutili corazze (il cui scopo …

L’assalto  (Basta, soldati italiani, non fatevi uccidere cosi’  –   Gli austriaci non vogliono massacrare gli italiani, i loro ufficiali li mandano avanti)

La decimazione

Notare le affermazioni razziste contro i soldati di colore (loro si potevano fucilare senza pensarci troppo; per gli italiani si discute di legge e di filosofia ma poi si fucilano lo stesso)
https://www.youtube.com/watch?v=9vLEKgTXl7Q

Uomini contro è un film del 1970 diretto da Francesco Rosi, liberamente ispirato al romanzo di Emilio Lussu Un anno sull’Altipiano. Di chiara impronta pacifista e antiautoritaria, l’opera mette in luce la follia della guerra.    Trama

Ambientato negli scenari della prima guerra mondiale, la pellicola ripercorre le vicende della Divisione comandata dal  generale Leone, dove presta servizio il giovane sottotenente Sassu, un ex studente universitario interventista fattosi trasferire dal Trentino. dove i combattimenti sono di lieve entità. Egli è alle dirette dipendenze del comandante della Compagnia tenente Ottolenghi, un veterano disilluso della guerra e con malcelate idee socialiste, che in diverse occasioni si opporrà agli ordini inutili o inutilmente punitivi dei superiori, fino a trovare la morte durante l’ennesimo inutile attacco. Il sottotenente Sassu, durante i mesi della sua permanenza al fronte, sarà testimone dell’impreparazione dell’Alto Comando, della inadeguatezza degli armamenti, dei tentativi di ribellione dei soldati che, stanchi e stremati dal prolungarsi dei combattimenti, reclamano il riposo e il cambio, repressi attraverso l’uso della decimazione, delle speculazioni sulla produzione degli equipaggiamenti e del dramma continuo che di giorno in giorno si consuma nella guerra di trincea, fino a ribellarsi egli stesso al fanatismo ed alla follia del maggiore Malchiodi, il quale pretende di fucilare un soldato ogni dieci, considerando ribellione la fuga disordinata degli uomini che cercano di sottrarsi al tiro corto dell’artiglieria italiana.Il maggiore sarà ucciso dagli stessi soldati, incoraggiati dal rifiuto del tenente Sassu ad eseguire l’assurdo ordine, ed egli risponderà personalmente del comportamento degli uomini con la morte per fucilazione, non prima di avere chiesto la grazia per i suoi soldati “che hanno già subito la decimazione in battaglia“.