Bozza di programmma di Italiano classe VG 2016

Questa è una bozza di programma che dovrà essere rivista che sto preparando, se la consultate chiedete informazioni.

Programma di ITALIANO
prof. Gabriella  CODOLINI

TESTI IN USO:

AUTORI DELL’ OTTOCENTO
Appunti dell’insegnante sullo schema del testo STORIA DELLA LETTERATURA ITALIANA (Olivieri, Critofori, Edizioni La Spiga) integrati con altri testi
Tutto il materiale è fornito in un’apposita dispensa
AUTORI DEL NOVECENTO
Luperini, Cataldi, Marchiani, Marchese
Il nuovo LA SCRITTURA E L’INTERPRETAZIONE
G.B. PALUMBO EDITORE

 

Per l’inquadramento storico si rimanda al programma di storia

 

Parte 11 capitolo 1

 

Le parole chiave: Positivismo e Naturalismo
La tendenza al realismo nel romanzo
Dispensa pp.

 

Il Verismo italiano
I narratori veristi italiani
Luigi Capuana, Federico De Roberto, Matilde Serao

 

Giovanni Verga

 

Vita e opere
La narrativa preverista
I manifesti della poetica verista
Vita dei campi
I Malavoglia
Novelle Rusticane
Mastro-don-Gesualdo
Verga e il tema dell’esclusione
Verga tra Positivismo e incipiente Decaadentismo 

La tendenza al simbolismo e le due linee della poesia europea

45-46

Il naturalismo francese e il Verismo italiano

 

(No Cosa è l’avanguardia)

47 – 49

Il simbolismo europeo

 

(molto importante La logica simmetrica dell’inconscio)

49 – 50

Parte 11 capitolo 3

 

Dal realismo al Naturalismo Flaubert e Zola (non si è parlato in modo specifico di Maupassant)

 

Lettura su fotocopia della conclusione de “La bestia umana”

57 – 60

I veristi siciliani: Federico de Roberto

86 – 87

Parte 11 capitolo 4

 

Per quanto riguarda Verga sono state trattate solo le opere di carattere verista

 

La rivoluzione stilistica e tematica di Verga
L’adesione al Verismo e al ciclo dei “Vinti”

 

(letti i riquadri:  Il tema del “diverso” in Verga e Lo straniamento e l’artificio della regressione)

Letture: Rosso Malpelo e riquadro di analisi

Novelle rusticane e altri racconti

Letture: La roba  con riquadro esplicativo
Libertà

Mastro-don Gesualdo

Letture: la morte di Gesualdo

Poetica e personaggi di Mastro don Gesualdo –
NO L’ultimo Verga

95 – 96
103 – 108

 

 

109119

119

120

125
131
144154

solo pag. 156

 

 

Parte 11 capitolo 4

 

I Malavoglia

 

La prefazione ai Malavoglia

Il romanzo come opera di ricostruzione intellettuale, la struttura e la vicenda, il sistema dei personaggi, il tempo e lo spazio, la lingua, lo stile e il punto di vista.

Simbolismo e Naturalismo nei Malavoglia – la filosofia di Verga
Letture: L’addio di ‘Ntoni

163  e 166
167

170 – 180

 

 

180 – 183

183

 

 

IL DECADENTISMO: VEDI SCHEDA ALLEGATA

 

Parte 11 capitolo 9

 

Pascoli: la vita tra il “nido” e la poesia

 

Sono state trattate solo le raccolte poetiche “Myricae” e “I canti di Castelvecchio)

La poetica del fanciullino (Il fanciullino)

Myricae e Canti di Castelvecchio

Il gelsomino notturno  con tutto il riquadro di commento

Pascoli e la poesia del Novecento

 

231

 

 

232 – 233

234

235 – 236

245

Parte 11 capitolo 10

 

Myricae Composizione e storia del testo

Solo paragrafo 1 pag. 249

I temi: la natura e la morte, l’orfano e il poeta – Temporale

 

Lavandare con riquadro di commento
X agosto con riquadro di commento

La mia sera (su fotocopia)

Il simbolismo impressionistico, le forme, metrica lingua e stile (Onomatopea e fonosimbolismo, All’origine del simbolismo pascoliano: Il lampo e la morte del padre)

250 -252

253 – 254
255 – 256
259 – 261

 

 

 

 

 

 

Parte 12 capitolo 1 e 2

 

Per l’inquadramento storico si rimanda al programma di storia

 

Le nuove scienze e le tendenze filosofiche

342 – 343

Il “disagio della civiltà” e i temi dell’immaginario

344 – 345

 

 

L’avanguardia futurista: si veda il testo sul sito della scuola allegato su fotocopia

 

Parte 12 capitolo 5

 

Luigi Pirandello Vita e opere  –  La coscienza della crisi – La narrativa umoristica, il teatro e il successo internazionale, la stagione del surrealismo

 

La poetica dell’umorismo; i “personaggi” e le “maschere nude”, la “forma e la vita”(con i riquadri di pp. 420 – 422)

I romanzi siciliani (solo il contenuto de “L’esclusa” e i temi e la vicenda de “I vecchi e i giovani” ), i romanzi umoristici (Il fu Mattia Pascal, Quaderni di Serafino Gubbio operatore, Uno nessuno e centomila)  (con i riquadri di pag. 427, 428, 429

Letto il brano Serafino Gubbio, le macchine e la modernità ma non il riquadro di commento

Le Novelle per un anno dall’umorismo al surrealismo NO????

Pirandello e il teatro. La fase del grottesco: Così è se vi pare,
Sei personaggi in cerca d’ autore (riassunto e commento sintetico su fotocopia) e “il teatro nel teatro”

Da Enrico IV al “pirandellismo” esclusi “Vestire gli ignudi” e “I tre filoni dopo il 1923)

Lettura del brano su fotocopia “Enrico IV si rivela”

Letture: dal romanzo Il fu Mattia Pascal: ’”Avvertenza sugli scrupoli della fantasia” e Pascal porta i fiori alla propria tomba
La composizione e la pubblicazione, la vicenda e i personaggi
del romanzo

La struttura e lo stile; I termi principali e l’ideologia

La Lanterninosofia

415 – 419

 

 

419 -423

 

423 – 430

 

 

 

431

440 – 441

 

 

 

452 – 453

 

Solo pag.458

459 – 460

 

 

 

 

469 – 471

 

473 / 475

Italo Svevo e la psicoanalisi

 

La vita e le opere

 

La cultura e la poetica (col riquadro “Razionalizzazione”)

507 – 509

510 – 512

Caratteri dei romanzi svevianio

512 – 516

La triestinità di Svevo: marginalità e privilegi – La coscienza di Zeno come “opera aperta”  Il matrimonio con la lettura “La proposta di matrimonio”; La moglie e l’amante (no lettura); Zeno e il suo antagonista; La psicoanalisi  Il rifiuto dell’ideologia; Io narrante e io narrato; L’indifferenza della critica

529 – 553

Letture:  La  prefazione del dottor S.;

 

Lo schiaffo del padre

La proposta di matrimonio
La vita è una malattia

La salute malata di Augusta

531

532

534

546

550

Parte 13 Il fascismo, la guerra e la ricostruzione dall’Ermetismo al Neorealismo    capitolo 1

 

Il quadro d’insieme e le parole chiave

631

L’organizzazione della cultura nella società di massa – La politica culturale del fascismo (Veline)

636 – 637

Le ideologie e l’immaginario – La cultura scientifica e le tendenze filosoficheSi veda il programma di filosofiaLe arti: sopravvivenza dell’avanguardia e restaurazione classicistica  solo la parte riguardante il cinema  (Neorealismo)

645

I generi letterari, gli autori e il pubblico – la politica linguistica del fascismo (Roberto Rossellini, Germania anno zero)

650 – 653

Parte 13 Il fascismo, la guerra e la ricostruzione dall’Ermetismo al Neorealismo    capitolo 2

 

 

 

Il Neorealismo  (sulle fotocopie allegate al programma): Vittorini, Pratolini, Viganò Carlo Levi.
Particolare importanza è stata data al paragrafo: Il Neorealismo da corrente involontaria a scuola poetica organica

 

 

663

La narrativa del nuovo realismo; i meridionalisti  Ignazio Silone e “Fontamara”

840 – 841

Un grande scrittore del Novecento: Primo Levi

 

Il realismo mitico e simbolico di Vittorini e Pavese (di Cesare Pavese sono stati trattati i romanzi La casa in collina e La luna e i falò)   Lettura e commento del testo “Verrà la morte e avrà i tuoi occhi”(su fotocopia)

842 – 845

Alberto Moravia  (trattati essenzialmente i romanzi Gli Indifferenti, Agostino e La ciociara)

850 – 851

La memorialistica e un grande scrittore del Novecento: Primo Levi

 

Il sogno del reduce dal lager

Sono state inoltre condotte le seguenti letture:

da “Se questo è un uomo”  Il canto di Ulisse; l’Ultimo

da “La tregua”  Il greco

da “I sommersi e i salvati” un capitolo a scelta degli studenti

858

Fra Neorealismo ed epica resistenziale: Fenoglio
Sono stati trattati i romanzi Il partigiano Johnny e La Malora
In particolare sul testo “La Malora”, del quale sono stati letti alcuni brani in classe,  sono state lette le fotocopie allegate al presente programma.

 

 

843 – 845

I tre maggiori poeti del Novecento (trattazione sintetica)

858 – 861
866

Giuseppe Ungaretti: vita, formazione e poetica

868 – 869

L’Allegria e  Sentimento del tempo

 

L’Allegria Centralità del tema della guerra, dello sradicamento, della memoria . La parola come rapporto con l’assoluto – Lo stile e la metrica

La rivoluzione dell’Allegria ; la poetica ungarettiana tra Espressionismo e Simbolismo

Letti i testi: La madre (pag. 682) In memoria (pag. 704), Veglia (710) e San Martino del Carso (su fotocopia)

883 – 890

Umberto Saba

 

Vita e opere su fotocopia allegata
Lette sul testo solo le pag. 685 e 686 (fino alla fine del primo paragrafo)
Tra le opere è stata citata solo l’edizione del 1957 del Canzoniere.

Letti i testi

Mio padre è stato per me l’assassino (pag.729) Amai (pag. 739) La capra (su fotocopia)

 

Eugenio Montale

 

La vita e le opere  (solo Ossi di Seppia, Le Occasioni; La Bufera ed altro, Satura)

 

 

750

Ossi di seppia come romanzo di formazione – La crisi del Simbolismo

Allegorismo e classicismo nelle Occasioni (non la descrizione delle quattro sezioni)

La Bufera ed altro

Satura

Letti i testi: Meriggiare pallido e assorto (pag.757), Spesso il male di vivere ho incontrato (759); Non chiederci la parola (761); Addii, fischi nel buio, cenni,  tosse (766);  Piccolo testamento (su fotocopia) Ho sceso dandoti il braccio (775)

753

763 – 764

 

773

774

 

Luperini, Castaldi, Marchiani, Marchese

La letteratura come dialogo 3 – Il presente

Il contesto: miracolo economico, stagnazione, globalizzazione

 

3 – 4- 5

Il secondo Novecento: le tendenze di fondo
(Il miracolo o boom economico; Il Sessantotto, Cibernetica)

 

 

6 – 7

La nuova organizzazione della cultura e la crisi dell’intellettuale

7-8

Dopo il 1975 l’affermazione del Postmoderno

9 -10

La rivoluzione delle mentalità (La discussione sul Postmoderno – La società dei consumi: i falsi bisogni)

11

Un nuovo modo di vivere il tempo e lo spazio – Il cambiamento dell’immaginario (La sfida al labirinto)

12 – 13

Il cinema postmoderno pag. 20 -21 + 4 fotocopia .

21

La lettura, il pubblico, i generi – Trionfo e impoverimento dell’Italiano

27 – 28

LEONARDO SCIASCIA tra romanzo e pamphlet (Todo modo; Un tema attuale: i giudici e le trame)  Letture: Il giorno della civetta
Su fotocopia: pagine del testo “La scomparsa di Majorana” e “L’affaire Moro”

99 – 101

ITALO CALVINO Il primo periodo (Elogio della leggerezza)

151 – 155

ITALO CALVINO Il secondo periodo

 

Lettura di un racconto a scelta del testo “Marcovaldo”

165 – 169

UMBERTO ECO Il  nome della rosa (fotocopia con schemi di analisi)

 

PIER PAOLO PASOLINI

La vita

Si è parlato solo dei romanzi Ragazi di vita e Una vita violenta

Letta a pag. 186  – 187 “Pasolini e la narrativa sperimentale” e il brano Riccetto viene arrestato

179

186

 

TEMI DI RIFLESSIONE DISCUSSI DURANTE LE ORE DI LEZIONE E PROPOSTI DURANTE LE VERIFICHE

 

Agli studenti è stato richiesto di conoscere le caratteristiche generali dei seguenti movimenti artistici: verismo, naturalismo, decadentismo, neorealismo, postmoderno e postmodernismo

 

a) la sua posizione nei riguardi del potere politico, eventuali ideologie di riferimento

b) la sua posizione nei confronti del ruolo dei letterati e della letteratura

c) eventuali teorie scientifiche alle quali si fa riferimento nelle opere

d) tematiche privilegiate

e) caratteristiche più significative dello stile

 

1)       Naturalismo e Verismo: analogie e differenze dal punto di vista dei contenuti, dello stile, dell’organizzazione dei testi e delle ideologie ad essi sottese.

2)       Interpretazioni del simbolo e uso del simbolo nella psicanalisi e nella letteratura

3)       Le regioni e la società meridionale  nella narrativa da Verga a Sciascia: interpretazioni, problemi, fascino del primitivo (Lo stesso valga per le Langhe)

4)       La condizione umana secondo Pirandello e Svevo

5)       L’Inetto, il grande protagonista della letteratura del Novecento, lei testi di Svevo, Pirandello e altri autori.

6)       Psicanalisi, malattia mentale e letteratura italiana

7)       Il romanzo di opposizione al fascismo negli anni ’30 e negli anni del Neorealismo

8)       L’immagine del popolo /  della borghesia nella letteratura italiana

9)       Problemi legati all’interpretazione del Neorealismo

10)    Temi, caratteristiche della letteratura neorealistica e loro relazioni con Decadentismo e Verismo

11)    Le caratteristiche della società del secondo dopoguerra e riflessi sulla letteratura

12)    Il tema del labirinto e del complotto nel Postmoderno e nei suoi antecedenti

13)    Caratteristiche generali della poesia del Novecento confronto fra diversi autori e testi

14)    La guerra e la desolazione come paradigmi della condizione umana nella poesia e nella prosa

15)    Caratteristiche generali del Postmoderno.

 

Dante- Divina Commedia – Paradiso

Appunti sulla vita e le opere di Dante   /codolini/dante/appunti-sulla-vita-e-le-opere-di-dante/

Lettura del testo:  Com’ occhio per lo  mar..  Grandezza e limiti della ragione e della giustizia nel mondo in “Dante nella nostra vita” /codolini/dante/dante-nella-nostra-vita/

 

 

Canto vv.
I 1/12
III 46/108
XVII 46/69  e 106/142
XIX 1/114
XXVII 1/66
XXX tutto
XXXI 1/93
XXXIII tutto
   

 

 

 

Per quanto riguarda l’analisi del testo e lo studio delle figure retoriche,  sono state analizzate secondo la seguente tabella

FIGURE DI PENSIERO

FIGURE DI SIGNIFICATO

FIGURE DI PAROLA/SUONO

antitesi, eufemismo,
ironia, ossimoro
Metonimia, sineddoche, sinestesia, eufemismo, iperbole, litote, metafora, allegoria, emblema, correlativo oggettivo, simbolo Allitterazione, climax, anticlimax, anafora, anadiplosi, chiasmo, enjambement, figura etimologica, epanalessi (raddoppiamento), paronomasia

 

Particolare importanza è stata attribuita a allegoria, metafora, simbolo, sinestesia, emblema e correlativo oggettivo, analogia.